App e smartphone, quanto sono indispensabili? Se ne può fare a meno?

11 luglio 2013

App e smartphone, quanto sono indispensabili? Se ne può fare a meno?

 

eBay ha messo alla prova 200 persone per verificare se e come avrebbero reagito al forzato non utilizzo delle app del proprio smartphone


Il colosso eBay, in concomitanza con i festeggiamenti e le celebrazioni occorse per il quinto anniversario della nascita dell’App Store, ha condotto una interessante ricerca su un campione di 200 persone per verificare se e quanto l’utente medio di uno smartphone sia legato alle proprie app e quanto il loro utilizzo influisca sulla vita di tutti i giorni.

I risultati sono stati poi pubblicati in un’infografica che sintetizza in modo chiaro le percezioni e le reazioni degli intervistati riportando dati e statistiche su cui riflettere, per quanto il campione sia numericamente piuttosto limitato.

Obiettivo della ricerca è stato quello di scoprire quanti, tra gli intervistati, fossero in grado di “sopravvivere” senza applicazioni sul proprio smartphone per 4 giorni consecutivi.

Com’è la vita senza le app? Riuscireste a sopravvivere? Oltre il 30% delle persone non  è riuscita a suerare il test di “resistenza” mostrando un grado di dipendenza, a volte, eccessivo.  

 

 

ebay-esperimento-utilizzo-app-vita-senza

 

 

Analizziamo insieme i risultati:

 

  • le app che risultano essere maggiormente utilizzate e vissute come indispensabili sono:

  1. Social Network;

  2. condivisione di foto;

  3. navigatori e mappe;

  4. meteo.

     

  • Quali le principali reazioni e sensazioni percepite dalle persone dopo che fosse impedito loro l’utilizzo delle proprie app? I casi più eclatanti su cui riflettere:

  1. senso di nudità e non protezione;

  2. impotenza per la mancanza di informazioni dal mondo esterno;

  3. Mi sono sentito così PERSO in quei quattro giorni di disconnessione, che una volta che ho riutilizzato le applicazioni mi sono sentito veramente in pace.”

  • come e quanto influiscono le app sulla vita quotidiana? I risultati evidenziano ciò che noi spesso mostriamo a chi si avvicina alla nostra azienda e al mondo delle smartphone applications: le app semplificano la nostra vita nel risolvere tante piccole attività quotidiane e sono preziosissime per comunicare, fotografare, condividere, reperire informazioni, navigare e la lista potrebbe continuare all’infinito.

     

  • alla fine dell’esperimento, dopo aver ricevuto indietro le proprie app preferite quali sono le emozioni maggiormente condivise?

  1. maggior senso di calma (39%);

  2. maggior senso di felicità (55%);

  3. aumento della produttività (40%);

  4. diminuzione del senso di frustrazione (32%).

Le App sono senza ombra di dubbio dei software che nascono per rispondere a dei bisogni delle persone, qualsiasi essi siano. In questo senso crediamo siano il presente ed il futuro di un nuovo modo di comunicare, informare, condividere e approcciarsi alle moderne tecnologie; in altre parole la complessità c’è (per il team di progettazione e sviluppo), ma non si vede (per l’utente finale).

Sicuramente, come già detto, il campione di studio non è numericamente sufficiente a dettare una stima attendibile che si possa estendere e generalizzare; tuttavia offre degli spunti davvero interessanti riportando in primo piano una questione cruciale che da sempre accompagna il diffondersi di nuovi strumenti e tecnologie: l’importanza di sensibilizzare le persone ad un uso consapevole e responsabile di qualsiasi dispositivo.

Fonte infografica: www.eBay.com

commenti