Apple Watch e Siri: dall’immaginario alla realtà

20 maggio 2015

Parlare con l’orologio non è più una pazzia

apple-watch-siri

Se un tempo (non molto lontano) si poteva accedere all’aiuto di Siri – l’assistente virtuale di Apple – tenendo premuto il tasto Home del proprio iPhone, con iOS 8 siamo passati alla attivazione vocale: “Hey Siri!” seguito direttamente dalla domanda.

Se ti sembrava strano sentire qualcuno parlare con il proprio smartphone, non ti sbalordire se nei prossimi giorni ascolterai fare richieste all’orologio. Ebbene sì. La funzione Siri è stata integrata nell’Apple Watch. Da oggi conoscere le previsioni meteo e/o aprire una App non è mai stato così immediato.

Come funziona il sistema vocale di Apple?

Come per iOS 8, anche sull’Apple Watch il supporto vocale si attiva con la tua voce.

Solleva il polso e chiedi a Siri tutto ciò che vuoi sapere. Le domande a cui Siri saprà dare  risposte sono quasi le stesse che si possono fare via smartphone, con qualche piccola eccezione. La lista delle richieste possibili è lunga da ricordare, ma Siri ti aiuterà anche in questo, basta domandare: “Hey Siri! Cosa posso chiederti?”.

Ecco alcune funzioni da chiedere all’assistente vocale:

  1. Telefona a …
  2. Scrivi un messaggio a …
  3. Fissa riunione sul calendario
  4. Imposta la sveglia alle …
  5. Ricerca su internet  …
  6. Indicami la strada per …
  7. Cerca ristoranti vicino a me
  8. Consigliami film disponibili su iTunes Store
  9. Pubblica su facebook
  10. Ascoltiamo un brano musicale presente nella playlist.

Alcune funzioni sono disponibili solo su Apple Watch, come il conteggio dei passi e le calorie consumate durante la giornata.

Fai attenzione a non parlare da solo! Siri non ti restituisce risposte se ti trovi nella schermata con l’orologio; per un corretto funzionamento verifica di essere in modalità standby o  disattiva lo schermo.

david-hasselhoff

Conclusioni

Parlare con il cellulare o con l’orologio era fantascienza ma con l’innovazione si trasforma in realtà. Con Apple l’immaginazione non trova limiti, chissà se tra qualche mese si potrà far arrivare la nostra auto chiamandola attraverso un’intelligenza artificiale!

commenti