Arriva lo scanner della retina per smartphone

15 gennaio 2016

Samsung Galaxy S7: lo smartphone della rivoluzione

L’ultima frontiera degli smartphone è lo scanner della retina. Il giornale americano Wall Street Journal fa sapere che Samsung sta lavorando con l’obiettivo di dotare il nuovo Galaxy S7 di un dispositivo in grado di effettuare una scansione della retina in modo da riconoscere il proprietario in maniera inequivocabile sbloccando il device e permettendo di effettuare anche la procedura di login con lo stesso metodo.

La funzionalità va a sostituire la già sperimentata scansione delle impronte digitali, che dai tempi del Galaxy S5 consentiva di ‘educare’ il telefono a riconoscere il proprio dito e a sbloccarsi soltanto a contatto con il polpastrello del proprietario.

Rumors-Samsung-Galaxy-S8-and-S8-Edge-to-Feature-Eye-Sensing-Technology

Altre caratteristiche

Tra le altre novità presenti sul nuovo device di casa Samsung troviamo

  • lo schermo sensibile alla pressione, anche se non si tratta di un’innovazione in senso assoluto, in quanto già presente nell’Iphone 6s di Apple.
  • Interessante anche la nuova porta Usb Type-C, che consentirà al Galaxy S7 una ricarica più veloce.
  • Ci sarà inoltre la possibilità di scegliere tra il modello con il classico schermo piatto e una variante curva con schermo AMOLED.
  • L’uscita è prevista per la primavera del 2016: l’azienda coreana vorrebbe lanciare il prodotto a marzo.

 

Samsung-Galaxy-S6-890x395_c

Da considerare la variazione di prezzo imposta dall’introduzione di questa nuova funzionalità. Molto probabilmente il nuovo top di gamma Samsung avrà un prezzo di listino non inferiore ai 700 euro, una cifra troppo alta per le tasche di parecchi consumatori. Di conseguenza l’ordine per il primo stock di Galaxy S7 non supererà i 5 milioni di unità prodotte. Dal canto suo, la stessa azienda coreana sembra consapevole del fatto che, almeno nei primissimi mesi dal lancio, le vendite saranno abbastanza modeste, almeno finché il prezzo non subirà un ribasso.

commenti