Smartphone: in arrivo nuove funzioni di Whatsapp

11 gennaio 2019

Ennesima modifica sulle nuove funzioni di WhatsApp. Dopo le tante novità apportate negli ultimi mesi, la piattaforma di messaggistica americana amplierà ulteriormente le sue funzioni. Secondo dati raccolti da WaBetaInfo, il team di sviluppatori è impegnato per implementare un sistema di protezione capace di bloccare accessi di utenti estranei.

Il meccanismo  delle nuove funzioni di Whatsapp

Ma come sarà possibile ciò? L’elemento capace di proteggere la privacy del proprietario dello smartphone sarà rappresentato da un’impronta digitale e da un’autenticazione del viso. Tramite questi due nuovi fattori, il proprietario del telefono sarà così al sicuro nell’eventualità dovesse smarrirlo.

nuove funzioni di whatsapp

Nuove funzioni di Whatsapp: Touch Id e Face Id

Per ora si stanno effettuando dei test solo sulle versioni iOS, ma la novità si dovrebbe espandere anche alla versione Android. I primi smartphone che vedranno tale news saranno gli iPhone 8, con il sistema di Touch Id e Face Id (questi i nomi delle due funzioni). Sarà possibile sbloccare questa nuova funzione nelle impostazioni della privacy e, una volta attivata, la piattaforma di messaggistica istantanea chiederà alla persona di posizionare il suo dito sul sensore o di mostrare il proprio volto alla fotocamera qualora egli volesse entrare nella chat. Ciò avverrà anche nell’eventualità che il telefono sia stato già sbloccato, a condizione che la persona riesca effettivamente ad accedere. In caso negativo, infatti, WhatsApp chiederà di inserire il normale codice di accesso (come nel caso di riattivazione del telefono dallo standby).

Le tempistiche delle nuove funzioni di Whatsapp

Per quanto concerne le tempistiche, WaBetaInfo ci dice che ci vorrà ancora del tempo tra che queste nuove funzioni di Whatsapp entrino effettivamente in gioco. Questo risulta vero sia per la versione Ios che Android, dal momento che il team della piattaforma statunitense preferisca far uscire queste nuove funzionalità allo stesso tempo su entrambe. Una cosa è però certa: il colosso californiano nato nel 2009 non si ferma mai.

commenti