iOS12. Screen Time di Apple ci salverà?

12 luglio 2018

Siamo tutti consapevoli di quanto tempo passiamo davanti agli schermi dei nostri smartphone? Probabilmente ne abbiamo una vaga idea ma allo stesso tempo non riusciamo a farne a meno. I nostri “migliori amici” sono così affidabili e così indispensabili che se dovessimo lasciarli a casa o dimenticarli in ufficio potremmo passare delle brutte ed interminabili ore.

Cosa ne pensano in Silicon Valley?

A notarlo sono anche i manager di aziende produttrici di software come Apple e Facebook che entrano da protagonisti tra i cosiddetti «pentiti della Silicon Valley», movimento nato lo scorso autunno e che vede dipendenti di aziende come Google e Facebook molto attivi.

L’AD di Apple Tim Cook ha spiegato durante un evento di Fortune a San Francisco:

Noi vogliamo che le persone siano spinte dai loro telefoni a fare cose che non potrebbero fare altrimenti ma non volevamo che le persone stessero tutto il tempo davanti ad uno schermo. Se passi tutto il tempo sul telefono, vuol dire che stai spendendo troppo tempo al cellulare. Abbiamo cercato di riflettere su come possiamo aiutarli e onestamente non abbiamo mai voluto che le persone esagerassero con l’utilizzo dei nostri prodotti.

screen-time-apple

Il cambiamento in casa Apple avverrà con iOS12

“Alcune applicazioni ci mandano raffiche di notifiche che cercano di attirarci per paura di perdere”

ha detto il vicepresidente senior di Apple Engineering di Craig Federighi, parlando a un pubblico di 6.000 persone al WWDC, la conferenza annuale degli sviluppatori di Apple, al McEnery Convention Center a San Jose.

“Per alcuni di noi è diventata un’abitudine per cui non ce ne rendiamo più conto”

Nasce da questo l’integrazione della Apple nell’ultima release del proprio sistema operativo mobile, iOS12,  la funzione ScreenTime che si preoccupa di limitare l’uso del telefono e che sarà lanciata entro la fine dell’anno.

screen-time iOS12 Apple

 

Leggi anche: Apple punta su IOS12 AL WWDC 2018

iOS 12: Screen Time

Le funzionalità di benessere digitale da lanciare con iOS 12 includono miglioramenti alla funzione “non disturbare”, inclusa una modalità di coricarsi che attenua il display e nasconde tutte le notifiche dalla schermata di blocco fino a quando non viene richiesta al mattino.

Guarda il video in cui Tim Cook presenta lo Screen Time

 

Il nuovo sistema operativo consentirà inoltre agli utenti di controllare le modalità di consegna delle notifiche per ridurre le interruzioni, inclusa la possibilità di raggruppare le notifiche o disattivarli completamente. L’assistente virtuale di Apple, Siri, fornirà anche suggerimenti per le impostazioni di notifica in base alle segnalazioni su cui agiscono le persone.

L’attenzione al benessere digitale arriva in un momento in cui società tecnologiche come Facebook, Twitter, Google e Apple sono sottoposte a scrutinio per l’uso di pratiche di progettazione abitudinarie che incoraggiano le persone a trascorrere più tempo sui propri dispositivi, come scrolling infinito, notifiche e altri “nudges” comportamentali.

Gli strumenti di Apple sono molto simili a quelli annunciati da Google lo scorso mese alla sua conferenza annuale sugli sviluppatori, Google I / O. L’ultima versione del sistema operativo mobile di Google, Android P, è inoltre dotata di una “dashboard delle app” che consente agli utenti di impostare limiti di tempo per le singole app e una modalità wind-down prima di andare a dormire che interrompe le notifiche e trasforma lo schermo in scala di grigi.

App Limits aiuterà i genitori

La funzione App Limits permette di impostare il tempo massimo da dedicare a un’app: quando il limite sta per scadere, l’utente vede una notifica. I genitori possono accedere all’Activity Report dei figli direttamente dal proprio dispositivo iOS per avere un quadro più chiaro delle attività dei bambini, e possono gestire e impostare limiti con App Limits. Screen Time offre ai genitori anche la possibilità di programmare un intervallo di tempo durante il quale i bambini non potranno usare il dispositivo iOS, per esempio la notte o durante i compiti.

Screen-Time-Parental-control-for-Apple-iOS-and-Android

Quando la funzione Downtime è attiva, le notifiche delle app non vengono visualizzate e sulle app compare un badge a indicare che non è possibile utilizzarle. I genitori possono scegliere app specifiche  (come telefono o app educative) che saranno sempre utilizzabili, nonché configurare le impostazioni di Screen Time da remoto per i propri figli o localmente sul dispositivo del bambino.

Novità in merito alla Privacy?

La società ha inoltre raddoppiato il proprio impegno per la privacy con l’introduzione di strumenti per impedire agli inserzionisti di tenere traccia degli utenti di dispositivi Apple da tracciare online.

Con un post diritto su Facebook, Federighi ha spiegato come “pulsanti e pulsanti condivisi” e funzionalità di commento possono “essere utilizzate per rintracciare se si fa clic su di essi o no”.

Le persone possono interagire con queste funzionalità se lo desiderano, ma non verranno tracciate di default su un computer Apple se utilizzano il browser Safari nativo sulla prossima versione del loro sistema operativo da desktop, macOS Mojave.

La società sta anche bloccando una tecnica chiamata “fingerprinting” che consente agli inserzionisti di identificare e monitorare i singoli utenti web in base al modo unico in cui è configurato il loro computer, inclusi il dispositivo, il sistema operativo e i caratteri che stanno utilizzando.

 

“La diffusione di massa della protezione delle impronte digitali è un punto di svolta per l’ingegneria della privacy e per gli utenti”

ha affermato il dott. Lukasz Olejnik, ricercatore e consulente indipendente in sicurezza e privacy.

screen-time-interupptions

Ciò si basa sugli sforzi di Apple annunciati nel 2017 per limitare i cookie Web, che consentono anche alle società pubblicitarie di monitorare gli utenti su Internet.

 

Olejnik ha aggiunto che in parole povere, ci sono due grandi classi di tracciamento: i cookie e le impronte digitali. Sembra che Apple abbia fissato un obiettivo da perseguire dopo tutte le tecniche che potrebbero essere utilizzate nel tracciamento di terze parti. È una corsa agli armamenti e credo che Apple stia vincendo .

commenti