Social Media Listening (SML)

17 settembre 2018

Per i più avvezzi alla comunicazione e al marketing il social media listening non è un argomento del tutto sconosciuto. Per chi non fosse di questo mestiere, niente paura, lo scopriremo assieme.

Il social media listening (SML) può essere definito come un processo circolare volto ad incrementare, massimizzare e ottimizzare le strategie di comunicazione e le scelte che le compongono, attraverso la raccolta del dati, il loro trattamento, l’analisi e la produzione di risposte strategiche orientate all’ascolto della rete e agli spunti che gli utenti possono offrirci.

SML

Cosa ci guadagnano le Aziende?

Il social media listening è una strategia di marketing che permette alle aziende di carpire ciò che la gente dice rispetto ai loro prodotti e/o servizi. Le aziende hanno quindi la possibilità di scoprire i sentimenti che sono associati al proprio nome. Una strategia di ascolto che tiene conto delle recensioni e dei reclami. Delinea un contesto per le soluzioni che vengono fornite e aiuta a identificare i leader del pensiero. Inoltre:

  • Aiuta a perfezionare ciò che sai dei tuoi acquirenti.

  • Consente di raccogliere informazioni.

  • Convalida idee di contenuto per le tue pagine web, articoli di blog e offerte di valore.

  • Da l’opportunità di prendere parte alle conversazioni e di essere veramente sociale.

Questa è la ricchezza dei social network e la bellezza dell’ascolto online. Così ora, invece di dover localizzare fisicamente le milioni di conversazioni è possibile monitorare e ascoltare virtualmente in base alle conversazioni sociali.

Come l’ascolto dei social media ha aiutato i Brand

L‘ascolto dei social media ha aiutato diversi brand a mantenere o migliorare la loro reputazione. Ad esempio, la compagnia aerea olandese KLM identifica l’esperienza dei passeggeri al check-in, nella lounge, ai banchi dei bagagli. Il famoso canale online Netflix monitora costantemente il loro pubblico, grazie al quale ha ottenuto tre interessanti spunti che li hanno convinti a produrre la serie TV americana “House of Cards” – l’amore per i film di David Fincher (produttore dello show) e Kevin Spacey e la popolarità della British House of Cards. Hanno combinato questi tre aspetti per creare lo show televisivo di grande successo. Ci sono numerosi marchi che stanno usando i social media oggi, come Cadbury, Coca-Cola, Dell, ICICI Bank, Whirlpool e British Red Cross per citarne alcuni. Lo spazio crescente di Big Data Analytics sta rivoluzionando il settore aziendale, semplificando notevolmente il processo di raccolta di informazioni per i marchi di tutto il mondo.

Come creare una Social Media Listening Strategy?

Il primo passo è quello di avere degli accout social; il secondo quello di seguire questi 8 consigli:

1. Porsi un Obiettivo

Come qualsiasi attività di business è importante prefissarsi un goal, un obiettivo non solo per valutare l’andamento della strategia, ma per capire soprattutto quante risorse sono state spese per il conseguimento della stessa.

2. Trovare conversazione online rilevanti

Ci sono due aspetti da tenere in considerazione quando si tratta di trovare conversazioni online rilevanti. La prima ha che fare con il ” dove le persone navigano digitalmente”, mentre la seconda con le  “Condizione che generano conversazioni rilevanti”

Dove si trovano i tuoi elettori online?

  • È importante capire dove i tuoi elettori trascorrono del tempo online. Probabilmente penserai di conoscere questa risposta o di essere certo di averla, per via della creazione delle marketing personas . Ma qualora non fossi sicuro, associa la creazione delle marketing personas a ciò che viene fuori dalle conversazioni.

  • Quando si parla di “elementi costitutivi”, considera tutti i gruppi sul mercato che sono importanti per la tua attività. Ciò può includere fornitori nonché influencer e fan. Ogni gruppo può avere diverse abitudini sociali e luoghi di ritrovo. Questo varierà a seconda del tuo business e del tuo settore.

Quali sono i termini di conversazione o di ricerca giusti da esplorare?
Trovare i giusti termini di conversazione può essere difficile a seconda di quanto sia rumoroso il tuo settore. Per trovare il significato, dovrai capire come escludere le informazioni che non sono utili e approfondire ciò che è particolarmente significativo per te. Per cominciare:

  • Cerca la tua categoria e il tuo settore

  • Cerca hashtag e chat di Twitter

  • Elenca le fiere più importanti e le organizzazioni professionali ed elenca gli hashtag che usano.

  • Scopri quali sono i termini che i concorrenti usano

  • Ricerca influencer.

I termini di ricerca variano da specifici a generali.

Quando stabilisci la tua linea di base per l’ascolto, fai attenzione alla gamma di termini usati. Come nei motori di ricerca, più specifico è il termine di ricerca sociale (vale a dire, società o nomi di marchi), più sarà probabile che coloro che parlano di te ti conoscano (cioè, i clienti).

 3. Cosa fare quando trovi conversazioni online pertinenti

Man mano che andrai avanti con la tua strategia di ascolto, avrai l’opportunità di immergerti ulteriormente nelle conversazioni, magari anche favorendone gli aggiornamenti e interagendo con loro dicendo “grazie” o facendo una domanda. In realtà, tale coinvolgimento è ciò che porta ad un altro livello una strategia di ascolto, trasformandola in una fonte di intuizioni e prospettive preziose.

Social media listening

4. Preparati all’inaspettato online

È molto importante come parte dello sviluppo della strategia di ascolto sociale pianificare alcuni scenari in modo da sapere cosa fare quando accade l’imprevisto. Il primo è decidere quale livello di impegno sei disposto a implementare su base continuativa. La raccomandazione è quella di fare qualcosa di più del semplice monitoraggio passivo.

5. Coinvolgere altri nella tua organizzazione nell’ascolto dei tuoi social media

Quando pensi che ogni persona della tua organizzazione sia un ambasciatore del tuo marchio e della tua attività e interagisce regolarmente con le persone attraverso i suoi social network offline e online, perché non dovresti coinvolgerli socialmente e digitalmente per conto della tua azienda? È più sociale per tutti, rende la tua attività più agile e ti offre informazioni migliori.

6. Stabilire un processo di ascolto

Decidi i termini di ricerca per iniziare, idealmente parole singole o combinazioni di parole strette. Esegui ricerche generali per identificare gli influencer da seguire e gli hashtags pertinenti. Crea stream di ricerca per monitorare gli influencer e gli hashtag, così come gli elenchi di Twitter, pubblici o privati. A seconda dello strumento che utilizzi, potresti persino essere in grado di monitorare facilmente potenziali clienti e clienti. Sviluppa un programma per il monitoraggio, l’interazione, la condivisione dei contenuti e per riconoscere i nuovi follower.

7. Identificare gli strumenti per ascoltare e monitorare le conversazioni sociali online

 

Social media listening

Quando inizi con la tua strategia, ti consigliamo di esplorare direttamente i singoli social network in modo da avere un’idea di come ciascuno differisce dall’altro. Questo fornisce anche una prospettiva sulle dinamiche della rete individuale, su come le persone interagiscono tra loro, su quale sia il ritmo delle interazioni, se ci sono termini speciali o modi di comunicare. Inoltre, ti consigliamo di utilizzare alcuni strumenti di ricerca sociale generale:

  • Cercare tra i biografi di Twitter: Social Mention e Twazzup e FollowerWonk
  • Cercare hashtag: Tagboard
  • Cercare attività nei forum: Board Reader
  • Contattare influencer: chat di Twitter
  • Monitorare attività: HubSpot, Hootsuite.
  • Social CRM: Nimble.

8. Sviluppa una routine per la tua strategia di ascolto dei social media.

Sviluppa una routine per la tua strategia di ascolto dei social media. Idealmente, vorrai sviluppare una routine quotidiana e programmare per monitorare, osservare, ascoltare, partecipare regolarmente. Pianificarlo significa presentarsi regolarmente e coerentemente come faresti nella vita reale per il networking e l’interazione.

 

Leggi anche: Che cos’è il Social Media Listening, come funziona e perché dovresti usarlo

commenti